Cos'è questo assembramento? Circolare, circolare.
Come, state ancora qui? Lei, favorisca i documenti per piacere!
Eh, come? Siete qui per conoscere la storia della Compagnia?
Beh, allora è diverso! Cosa volete sapere?
Ah, sì, il primo spettacolo, il contatto col pubblico...
Da allora non ci siamo più fermati: nel 1982 c'è stato Il soldatino del Pim Pum Pa, dove c'era appunto un giovane soldato che partiva a cercare dei malviventi (un po' come me) solo che poi scopriva... Poi nell'84 Chicchirichì Gran Varietà, con musiche e balli da paesi lontani. E nell'85 Zi Bi Bo, cioè la storia dei vestiti nuovi dell'Imperatore, che in realtà era nudo perché la stoffa non c'era. Che scandalo! Ma i bambini hanno riso molto. E nel 1986 abbiamo messo in scena nientepopodimeno che Pirandello! Eh, sì! La Giara è stato uno dei nostri spettacoli più apprezzati. Don Lollò l'avete già incontrato, che tipo testardo! Ma anche il vecchio Zì Dima non scherzava mica: sarebbe rimasto dentro la giara fino alla fine dei tempi, senonché a un certo punto... Ma se non conoscete la storia, non vi voglio rovinare la sorpresa. Nell'87 abbiamo fatto La Cuccagna, dove un ex-addetto ai piccioni viaggiatori, Gustavo, per sbarcare il lunario mette su una compagnia teatrale di soli uccelli. E, sempre nello stesso anno, Una notte in Tunisia, una megaproduzione con un sacco di personaggi ed effetti speciali, sulla storia del Jazz. E lì c'era la banda che avete visto prima. Che poi io faccio il Carabiniere ma nel tempo libero la mia passione è suonare il sassofono.